Home \ Pratiche Auto \ Assicurazione \ Assicurazione auto scaduta: tutto quello che c’è da sapere

Assicurazione auto scaduta: tutto quello che c’è da sapere

AssicurazionePratiche Auto
Pubblicato il 16 April 2021
Condividi
Tutto sull’assicurazione auto scaduta

Tra le varie scadenze che può capitare di dimenticare, quella dell’assicurazione auto è una delle più frequenti. Circolare con la copertura assicurativa è un obbligo previsto dal nostro Codice della Strada, ma è consentita una tolleranza di 15 giorni dalla scadenza entro la quale l’assicurazione continua ad avere validità.

LEGGI ORA: Patente, revisione, collaudo, RC Auto: tutte le novità del decreto Cura Italia per gli automobilisti

INDICE
Scadenza assicurazione auto e emergenza Covid-19
Assicurazione auto scaduta: addio tacito rinnovo
Assicurazione auto scaduta: quanti giorni di copertura sono previsti?
Scadenza polizza auto: copertura prorogata a 30 giorni
Assicurazione scaduta: multa e conseguenze

Sino allo scorso anno, grazie al decreto Cura Italia, era stato raddoppiato il termine di validità dell’assicurazione auto scaduta ed era stato portato da 15 a 30 giorni in considerazione del lockdown e delle misure restrittive imposte in occasione della pandemia. Ad oggi, invece, il termine è nuovamente quello quindicinale entro il quale sarà possibile circolare su strada senza incorrere in sanzioni.

Ormai dal 2013 in caso di mancato rinnovo della copertura assicurativa, la polizza si estingue automaticamente non essendo più previsto il tacito rinnovo. Il contraente, quindi, avrà la possibilità di poter cambiare compagnia senza fornire motivazioni.

Se, invece, si vuole proseguire con la propria agenzia non si dovrà temere di dimenticare di effettuare il rinnovo perché in prossimità della scadenza sarà il vostro agente a inviarvi messaggi e chiamate per procedere alla sottoscrizione del nuovo contratto.

GUARDA I NOSTRI VIDEO

Qualora ci si dimentichi di rinnovare l’assicurazione auto sarà possibile contare su una validità della copertura prorogata per i 15 giorni successivi alla scadenza. Questo termine è valido solo in Italia ed applicabile esclusivamente alle polizze annuali.

Fino allo scorso anno, grazie al Decreto Cura Italia, la validità della copertura assicurativa era stata raddoppiata e portata a 30 giorni, ma solo per le polizze con scadenza fino al 31 Luglio 2020. Tale termine oggi è tornato nuovamente di 15 giorni.

Circolare con l’assicurazione auto scaduta può costare caro. Il nostro Codice della Strada, infatti, prevede multe decisamente salate da 841 a 3.287 euro, ma l’importo può essere ridotto di un quarto in determinate ipotesi specifiche.

Oltre alla consapevolezza che in caso di sinistro si dovrà risarcire di tasca propria i danni provocati sia alle cose che alle persone, è bene sapere che circolare con l’assicurazione auto scaduta comporta anche il sequestro del veicolo.

Il trasgressore, quindi, si troverà a pagare oltre alla multa anche le spese di prelievo, trasporto e custodia del mezzo e mettersi in regola con il pagamento del premio assicurativo.

Cose da sapere

Cosa succede alla scadenza dell’assicurazione auto?

In caso di mancato rinnovo della copertura assicurativa, la polizza si estingue automaticamente non essendo più previsto il tacito rinnovo. Il contraente può quindi cambiare compagnia senza fornire motivazioni. Se, invece, si vuole proseguire con la propria agenzia, sarà l’agente a contattare il contraente per procedere alla sottoscrizione del nuovo contratto.

Quanti giorni di copertura sono previsti alla scadenza dell’assicurazione auto?

Qualora ci si dimentichi di rinnovare l’assicurazione auto sarà possibile contare su una validità della copertura prorogata per i 15 giorni successivi alla scadenza. Questo termine è valido solo in Italia ed applicabile esclusivamente alle polizze annuali.

Cosa succede se si circola con l’assicurazione auto scaduta?

Il nostro Codice della Strada prevede multe decisamente salate da 841 a 3.287 euro. Circolare con l’assicurazione auto scaduta comporta anche il sequestro del veicolo. Il trasgressore, quindi, si troverà a pagare oltre alla multa anche le spese di prelievo, trasporto e custodia del mezzo.

Pubblicato il 16 April 2021
Condividi