Home \ Cura & Manutenzione \ Fai da te \ Batteria auto scarica improvvisamente: sintomi e cosa fare senza cavi

Batteria auto scarica improvvisamente: sintomi e cosa fare senza cavi

Cura & Manutenzione Fai da te
Pubblicato il 27 September 2018
Condividi
Batteria scarica improvvisamente: ecco cosa fare

A chi non è mai capitato? Si entra in auto, si gira la chiave per accendere il motore e….nessun segnale di accensione del propulsore! La causa, nella maggioranza dei casi, è proprio la batteria auto scarica improvvisamente.

Batteria auto scarica: sintomi

Solitamente si rimane sorpresi con la batteria auto scarica improvvisamente perché si sottovalutano alcuni segnali provenienti dalla propria vettura che dovrebbero far capire che è giunto il momento di sostituire la batteria auto.

Ma la mancata accensione dell’auto non è che uno dei sintomi della batteria scarica. Qualora la messa in moto richieda più tempo del normale o, ancora, se le spie di anomalia presenti nel cruscotto rimangono, significa che è giunto il momento di cambiarla.

Batteria auto scarica: come capire

Per evitare di trovarsi con la batteria auto scarica improvvisamente si può utilizzare uno strumento utile a capire quando è il momento di sostituire il componente, il voltmetro.

Tramite questo strumento, acquistabile a prezzi decisamente abbordabili, si potrà misurare lo stato di carica della batteria macchina. Sarà sufficiente aprire il cofano della vettura a motore spento e collegare il morsetto positivo e quello negativo ai rispettivi terminali della batteria.

Una volta effettuata questa operazione, sul voltmetro appariranno i valori di carica della batteria. Se questi saranno compresi tra 12,4 e 12,7 volt ci si potrà tranquillamente mettere alla guida della propria vettura perché la batteria è ancora carica, mentre se i valori saranno inferiori, sarà necessario procedere alla ricarica o alla sostituzione.

Batteria auto scarica: come ricaricarla

Se ci si trova con la batteria auto scarica improvvisamente si può cercare di ricaricare il dispositivo per poter tornare alla guida della propria vettura. Per compiere l’operazione di ricarica ci si dovrà munire dei cavi ed avere nelle vicinanze un’altra auto dotata di batteria carica. Aprite il cofano di entrambe le vetture e collegate il morsetto negativo e quello positivo dei cavi prima alla batteria macchina carica e successivamente a quella scarica.

Compiuta questa operazione si dovrà accendere prima il motore della vettura carica, ad un regime di rotazione di circa 2000 giri al minuto, e successivamente si potrà avviare quello della vettura scarica, mantenendolo in funzione per una decina di minuti. Trascorso questo lasso di tempo si dovranno scollegare i cavi nell’ordine inverso rispetto a quello in cui sono stati montati.

Per precauzione, subito dopo è bene recarsi presso un’officina per un controllo della batteria macchina e, nel caso, procedere alla sostituzione.

Batteria auto scarica: cosa fare senza cavi

Avere i cavi in auto è una buona prassi, ma sono ben pochi gli automobilisti che seguono questa regola. Cosa fare allora se la batteria auto si scarica improvvisamente e non si hanno i cavi?

Per riuscire ad avviare la propria vettura si potrà utilizzare il vecchio metodo della spinta. Sarà quindi necessario spegnere tutti i dispositivi accesi quali radio, navigatore e simili, girare la chiave di accensione, togliere il freno a mano, inserire la seconda marcia e tenere premuta la frizione. Nel momento in cui verrà raggiunta una velocità adeguata, sollevate il piede dalla frizione ed accelerate.

Con questo metodo si riuscirà ad avviare daccapo il motore, ma fate attenzione. Potrebbe causare danni al catalizzatore.

Pubblicato il 27 September 2018
Condividi