Home \ Comprare & Vendere \ Acquisto Auto \ Honda e-Prototype: l’erede di Honda Urban EV pronto alla produzione in serie

Honda e-Prototype: l’erede di Honda Urban EV pronto alla produzione in serie

Acquisto Auto Comprare & Vendere
Pubblicato il 15 April 2019
Condividi
Il progetto è concluso, lo testimoniano molti dettagli rinnovati che avevamo visto sul Concept di un paio d’anni fa: ecco la Honda Urban EV.

 

di ALESSIO MACALUSO, Giornalista

 

In principio si chiamava Honda Urban EV e già due anni fa rappresentava una certezza. Oggi, se c’è una casa tra le più attive nel settore dell’elettrico di prossima generazione è proprio Honda – che con questa inedita Honda e-Prototype regala il polso dei progressi raggiunti dai tecnici giapponesi in tema di sviluppo. Già, perché la e-Prototype possiamo dirlo, è di fatto pronta o quasi per finire in produzione con quel “prototype” usato a modi suffisso che serve solo a ricordarci di pazientare ancora un po’.

Il progetto è praticamente concluso comunque come lo testimoniano molti dettagli rinnovati o del tutto eliminati che avevamo visto sul Concept di un paio d’anni fa. Rispetto a quello, cambia ad esempio il design delle portiere, da oggi più versatili rispetto al 2017 quando erano ancora un affascinante esercizio di stile. Mentre la “perdita” più scontata, ma che a noi figli degli anni ‘80 lascia un po’ l’amaro in bocca è l’addio alla calandra frontale con tanto di schermo con cui (magari) “messaggiare” con le altre auto. Al suo posto un pannello meno affascinante, ma senz’altro più coerente con quella che sarà l’imminente produzione in serie.

Ma veniamo ai temi più interessanti per quella che è un’auto elettrica, come autonomia e tempistiche di ricarica. La Honda e-Prototype si veste quindi da autentica competitor tra le auto che dicono addio ai combustibili fossili. L’autonomia parla la lingua dei 200 Km mentre il tempo di ricarica è una pratica che con una colonnina veloce si chiude in 30 minuti per restituire un “quasi pieno” dell’80%. Il risultato è quindi un’automobile ideale per essere utilizzata in città e non solo per il monotono tragitto tra casa e lavoro. Aspetto che dovrebbe rendere ancor più divertente la Honda e-Prototype di serie sarà poi la trazione posteriore che – insieme alla consueta coppia di un’unità elettrica, dovrebbe regalare qualche sorriso in più ai consueti delusi a caccia di “rumore” proveniente da sotto il cofano.

Assolutamente originali sono infine gli interni, intelligenti, tecnologici e con quel gusto estetico vagamente retrò che sembra davvero riuscito. I comandi sono interamente digitali e sfruttando un sistema di navigazione a menu consentono di regolare pressoché qualsiasi funzione della Honda e-Prototype. Belli, anche se difficilmente realizzabili in serie, sono i due schermi posizionati all’estremità del cruscotto, al posto dei tradizionali specchietti retrovisori e che inquadrano con un sistema di telecamere quel che succede alle spalle del prototipo nipponico.

Quando la vedremo al debutto ufficiale è ancora top secret, ma considerate le congrue modifiche che hanno trasformato la “futuristica” Honda Urban EV in una più “facile da realizzare” Honda e-Prototype, pare proprio che manchi poco. Questa Honda e-Prototype rappresenta quindi il miglior messaggio con cui la casa giapponese sta concretamente comunicando il proprio interesse alla migrazione verso il mondo della trazione elettrica. Questo è un prototipo, è vero, ma la versione in serie – destinata al mercato europeo è davvero a un passo.

Ecco qualche tappa già confermata dalla stessa casa con gli occhi a mandorla. Nella seconda parte di questo 2019 scatterà infatti la produzione della e-Prototype (ovviamente con altro nome) e gli automobilisti interessati potranno procedere alla prenotazione della vettura fin dall’inizio dell’estate. Un successo annunciato? Chissà, di sicuro ci sono già state 15 mila “manifestazioni d’interesse” da parte di altrettanti papabili clienti – segno che più di qualcosa si sta già muovendo (ad emissioni zero!).

Pubblicato il 15 April 2019
Condividi