Home \ Comprare & Vendere \ Acquisto Auto \ Vendita auto tra privati: pagamento in contanti o bonifico?

Vendita auto tra privati: pagamento in contanti o bonifico?

Comprare & VendereAcquisto Auto
Pubblicato il 11 May 2021
Condividi
Tutti i suggerimenti per capire come comprare un’auto usata e indicazioni utili per effettuare in tutta sicurezza il pagamento dell’auto usata.

Il mercato dell’usato sembra non conoscere crisi. A fronte di prezzi a volte proibitivi sul listino del nuovo, gli automobilisti con sempre più frequenza decidono di comprare un’auto usata da privato. Bisogna però fare attenzione alle tipologie di pagamento per evitare spiacevoli sorprese.

 INDICE
Procedura acquisto auto da privato
Contratto di vendita auto tra privati
Acconto per acquisto auto usata
Vendita auto tra privati: pagamento
Pagare l’auto in contanti
Compravendita auto tra privati: pagamento con bonifico
Acquisto auto con assegno circolare

Su automobile.it sono presenti centinaia di annunci di auto messe in vendita da privati. La convenienza, in questo caso, è data tutta dalla possibilità di trattare sul prezzo e portarsi a casa la vettura dei propri sogni senza intaccare eccessivamente il proprio conto corrente.

Nel caso di acquisto auto da privato è sempre opportuno verificare sia la meccanica della vettura che tutta la documentazione allegata. Se sono presenti tutte le ricevute dei tagliandi e delle riparazioni effettuate in officina sarà una carta in più per il venditore per non scendere sul prezzo ed una garanzia ulteriore per l’acquirente.

ACQUISTO AUTO USATE: SCARICA LA CHECKLIST

Nella compravendita di un’auto tra privati non c’è obbligo di redazione del contratto per finalizzare l’acquisto, ma la redazione di questo documento si rivela importante per far valere le proprie ragioni qualora una delle due parti si riveli inadempiente. Non sarà necessaria la presenza di un avvocato per la redazione del contratto in quanto si potrà far scrivere il documento sia da una agenzia di disbrigo pratiche che scaricare un modello presente sul web.

Qualora si sia trovata l’auto usata di proprio gradimento, ma non si abbia al momento la disponibilità della somma richiesta, si potrà concordare col venditore il versamento di un acconto così da evitare che il mezzo venga venduto ad un altro soggetto. Qualora si versi l’acconto è fondamentale indicare la somma corrisposta nel contratto di vendita tra privati o in una scrittura privata.

Arriviamo al momento più importante dell’acquisto auto da privato: il pagamento. In questo caso è sempre buona regola diffidare da chi pretende forme di pagamento poco trasparenti. Si potrà corrispondere l’importo pattuito tramite contanti, bonifico o assegno, ma solo le ultime due modalità sono quelle che garantiscono una maggiore sicurezza.

Anche i pagamenti elettronici rappresentano la soluzione ideale per comprare un’auto usata da privato. Tramite Paypal, ad esempio, potrai effettuare transazioni tramite il tuo smartphone o altro device mobile. Non sarai così costretto a portare con te una ingente somma di denaro e potrai tracciare facilmente il pagamento in caso dovesse sorgere una controversia dopo qualche tempo. Inoltre i servizi di pagamento elettronico offrono spesso una garanzia per il pagamento acquisto auto usata. Il provider del sito potrà infatti aiutarti ad ottenere rapidamente indietro i tuoi soldi qualora tu voglia cancellare la transazione per frode o appropriazione indebita.

GUARDA I NOSTRI VIDEO

È possibile pagare un’auto usata in contanti, ma il valore della stessa non deve essere superiore a 2.000 euro. In base alle normative antiriciclaggio attualmente in vigore nel nostro Paese, infatti, non è possibile effettuare il pagamento in contanti di somme superiori a questa soglia. In ogni caso è sempre fondamentale che il pagamento venga indicato nel contratto o in altra scrittura privata per evitare che il venditore possa vantare la mancata corresponsione dell’importo già versato.

Il sistema più sicuro per finalizzare l’acquisto auto tra privati è quello di pagare il prezzo pattuito tramite bonifico. In questo caso resterà traccia del versamento effettuato ed una volta trascorsi i tempi tecnici per l’accredito sul conto del venditore ci si potrà mettere al volante della vettura usata.

Ultima modalità per pagare l’auto usata è quella inerente alla consegna di un assegno circolare. In questo caso, prima di potersi mettere al volante del mezzo acquistato, si dovrà attendere che l’acquirente si rechi presso la banca che lo ha emesso per versare l’assegno ed assicurarsi così della presenza del denaro richiesto. L’assegno circolare trova maggiore utilizzo nel campo del mercato automobilistico per la sua maggiore sicurezza perché la banca si impegna a pagare al portatore una cifra già presente presso l’istituto.

Cose da sapere

Nel caso di compravendita auto tra privati, è necessario stilare un contratto?

Nella compravendita di un’auto tra privati non c’è obbligo di redazione del contratto per finalizzare l’acquisto, ma la redazione di questo documento si rivela importante per far valere le proprie ragioni qualora una delle due parti si riveli inadempiente.

Si può lasciare l’acconto per l’acquisto auto da privati?

Qualora si sia trovata l’auto usata di proprio gradimento, ma non si abbia al momento la disponibilità della somma richiesta, si potrà concordare col venditore il versamento di un acconto così da evitare che il mezzo venga venduto ad un altro soggetto. In tal caso è fondamentale indicare la somma corrisposta nel contratto di vendita tra privati o in una scrittura privata.

Si può pagare un’auto usata in contanti?

È possibile pagare un’auto usata in contanti, ma il valore della stessa non deve essere superiore a 2.000 euro. In ogni caso è sempre fondamentale che il pagamento venga indicato nel contratto o in altra scrittura privata per evitare che il venditore possa vantare la mancata corresponsione dell’importo già versato.

Qual è il metodo più sicuro per pagare un’auto usata da un privato?

Il sistema più sicuro per finalizzare l’acquisto auto tra privati è quello di pagare il prezzo pattuito tramite bonifico. In questo caso resterà traccia del versamento effettuato ed una volta trascorsi i tempi tecnici per l’accredito sul conto del venditore ci si potrà mettere al volante della vettura usata.

È possibile comprare un’auto usata pagando con assegno circolare?

Si, ma prima di potersi mettere al volante del mezzo acquistato, si dovrà attendere che l’acquirente si rechi presso la banca che lo ha emesso per versare l’assegno ed assicurarsi così della presenza del denaro richiesto.

Pubblicato il 11 May 2021
Condividi