Home \ Pratiche Auto \ Burocrazia \ Divieto di sosta e fermata: ecco cosa fare in caso di multa

Divieto di sosta e fermata: ecco cosa fare in caso di multa

Burocrazia Pratiche Auto
Pubblicato il 6 June 2019
Condividi
Il divieto di sosta e fermata è regolato dal Codice della Strada: scopriamo le differenze.

Il divieto di sosta e fermata spesso genera confusione negli automobilisti e le multe fioccano numerose. In questa guida andremo ad analizzare quanto disciplinato dal Codice della Strada e come comportarsi qualora venga notificata una multa.

Multa divieto di sosta

Il nostro Codice della Strada disciplina in maniera chiara il divieto di sosta e fermata. Con la prima si indica l’interruzione della marcia del mezzo protratta per un apprezzabile lasso di tempo, mentre con la seconda ci si riferisca ad una sosta temporanea che normalmente non implica l’allontanamento del conducente dal veicolo.

L’art. 158 cds dispone il divieto di sosta e fermata nei seguenti casi:

  • la sosta è vietata in corrispondenza dei passaggi a livello ma non in loro prossimità;
  • nelle gallerie;
  • nei sottovia;
  • sotto i sovrapassaggi,
  • sotto i fornici e i portici, salvo diversa segnalazione;
  • sui dossi e nelle curve e, fuori dei centri abitati e sulle strade urbane di scorrimento, anche in loro prossimità;
  • in prossimità di segnali stradali verticali e semaforici, in modo da impedirne la vista, nonché in corrispondenza dei segnali orizzontali di preselezione e lungo le corsie di canalizzazione;
  • fuori dei centri abitati;
  • in corrispondenza e in prossimità degli incroci stradali;
  • nei centri abitati la fermata è vietata in prossimità delle aree di intersezione, a più di 5 metri, salvo diversa segnalazione;
  • sui passaggi e attraversamenti pedonali e sui passaggi per ciclisti, nonché sulle piste ciclabili e agli sbocchi delle medesime; sui marciapiedi, salvo diversa segnalazione.

Inoltre, sempre l’articolo 158 Codice della Strada, disciplina i casi in cui è vietata la sosta mentre è consentita la fermata e sono i seguenti:

  • allo sbocco dei passi carrabili;
  • dovunque venga impedito l’accesso ad un altro veicolo regolarmente in sosta, oppure lo la sosta è vietata dovunque venga impedito lo spostamento di veicoli in sosta;
  • in seconda fila, salvo che si tratti di due veicoli a due ruote;
  • negli spazi riservati alla fermata degli autobus, dei filobus e dei veicoli circolanti su rotaia e, ove questi non siano delimitati, a una distanza dal segnale di fermata inferiore a 15 m, nonché negli spazi riservati allo stazionamento dei veicoli in servizio di piazza;
  • sulle aree destinate al mercato e ai veicoli per il carico e lo scarico di cose, nelle ore stabilite; sulle banchine, salvo diversa segnalazione; negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per persone invalide e in corrispondenza degli scivoli o dei raccordi tra i marciapiedi, rampe o corridoi di transito e la carreggiata utilizzati dagli stessi veicoli;
  • nelle corsie o carreggiate riservate ai mezzi pubblici;
  • nelle aree pedonali urbane; nelle zone a traffico limitato per i veicoli non autorizzati;
  • negli spazi asserviti ad impianti o attrezzature destinate a servizi di emergenza o di igiene pubblica indicati dalla apposita segnaletica;
  • davanti ai cassonetti dei rifiuti urbani o contenitori analoghi; limitatamente alle ore di esercizio, in corrispondenza dei distributori di carburante ubicati sulla sede stradale ed in loro prossimità sino a 5 m prima e dopo le installazioni destinate all’erogazione.

Multa per divieto di sosta

Sempre l’articolo 158 dispone gli importi delle multe in caso di divieto di sosta e fermata. Violare uno qualunque dei divieti di sosta e fermata, nonché violare il divieto di sosta relativo a spazi e carreggiate riservate ai mezzi pubblici e ai mezzi di persone invalide, comporta una multa da un minimo di 40 euro ad un massimo di 164 euro, per ciclomotori e motoveicoli a due ruote, e una multa da un minimo di 85 euro ad un massimo di 338 euro per tutti gli altri mezzi, mentre in tutti gli altri casi previsti dall’art. 158 cds la multa può essere pari nel minimo a 24 euro e nel massimo a 98 per ciclomotori e motoveicoli a due ruote, mentre può andare da un minimo di 41 ad un massimo di 169 euro per tutti gli altri mezzi.

Qualora vi sia stata notificata una multa per divieto di sosta e fermata potrete valutare l’ipotesi del ricorso presso il Giudice di Pace territorialmente competente. Le ragioni che possono spingere a proporre opposizione alla sanzione possono essere varie, come la errata indicazione dei dati del veicolo o del luogo dove è stata rilevata l’infrazione sino alla assenza della apposita segnaletica orizzontale o verticale.

 

Pubblicato il 6 June 2019
Condividi