Home \ Cura & Manutenzione \ Manutenzione Auto \ Revisione bombole metano: guida con costi e dettagli

Revisione bombole metano: guida con costi e dettagli

Cura & Manutenzione Manutenzione Auto
Pubblicato il 9 July 2018
Condividi
Il vantaggio dei bassi costi rende le auto a metano molto diffuse: occhio però alla revisione delle bombole.

La presenza di auto alimentate a metano è cresciuta nel corso degli anni, complice il basso costo al distributore ed il contestuale aumento dei prezzi della benzina.

I numerosi automobilisti proprietari di queste vetture devono in ogni caso sapere che la manutenzione e la revisione delle bombole a metano richiede una particolare attenzione. In questa guida andremo ad analizzare i dettagli ed i costi dell’operazione.

Revisione bombole metano

Per sapere quando deve essere effettuata la revisione bombole auto bisogna prima di tutto verificare se le bombole sono state omologate secondo la normativa nazionale (DGM), o secondo la normativa europea R110 ECE/ONU.

Per le prime, la revisione dovrà essere effettuata ogni cinque anni. Mentre per le seconde dovrà avvenire per la prima volta al quarto anno, successivamente ogni due anni, e comunque in concomitanza con la revisione della vettura.

Per conoscere quale tipo di omologazione riguarda le bombole della propria vettura a metano sarà sufficiente controllare il cartellino GFBM, che può essere posizionato anche nel vano motore, e che viene rilasciato all’installazione di un nuovo impianto, in occasione di ogni collaudo delle bombole.

In questo cartellino vengono indicati il numero, la marca, la capacità, la data di scadenza del collaudo di ciascuna bombola e la capacità totale. In alternativa si potrà controllare la data di scadenza della revisione sul collo della bombola.

Se siete interessati ad acquistare un’auto a metano, date un’occhiata alla nostra classifica delle 10 auto a metano più ricercate in Italia!

Meglio GPL o metano? Differenze e vantaggi delle due alimentazioni 3

Revisione bombole metano auto

La prima verifica che verrà eseguita per la revisione bombole metano auto sarà la pesatura. In questo modo si potranno valutare eventuali alleggerimenti dovuti a possibili fenomeni di corrosione interna.

In secondo luogo verrà effettuata un’ispezione esterna ed interna, ed infine si procederà al collaudo con l’utilizzo di ultrasuoni e quello con pressione idrostatica a 300 bar. Compiute queste operazioni, se le bombole avranno superato la revisione, verranno punzonate, con l’indicazione della data dell’ultima revisione.

Qualora, invece, non si dovesse superare la revisione bombole metano auto, queste dovranno essere rottamate e sostituite con delle bombole nuove, senza alcun addebito nei confronti dell’utente.

Qualora le bombole abbiano superato i venti anni di età, queste dovranno essere necessariamente sostituite, secondo quanto previsto dalle normative europee.

auto metano usate
auto metano usate

Costo revisione bombole metano

Per effettuare la revisione auto metano bisognerà recarsi presso uno dei centri autorizzati per Servizi Fondo Bombole Metano. In Italia vi sono due centri specifici per il collaudo e la revisione delle bombole a metano che si trovano l’uno a San Lazzaro di Savena (BO) e l’altro a Jesi (AN).

Il costo revisione bombole metano è gratuito poiché è incluso nel prezzo del metano al distributore, ma sull’utente ricadranno i costi inerenti lo smontaggio, l’installazione delle bombole e delle elettrovalvole, e del trasporto dall’officina ai depositi fiduciari di raccolta.

Per le bombole soggette a revisione quinquennale, il costo si aggira in media sui 10 euro a bombola, mentre per quelle a soggette revisione quadriennale, il prezzo varia a seconda del modello di auto. Il prezzo della revisione non include il costo delle valvole ed i tempi di revisione sono di circa una settimana, anche se è possibile sostituire le proprie bombole da revisionare con altre già collaudate e disponibili per il montaggio.

Fate attenzione, infine, a non viaggiare con bombole scadute. L’articolo 80 del Codice della Strada prevede, per chi effettua rifornimento con bombole scadute, una sanzione amministrativa pari a 168 euro ed il ritiro della carta di circolazione.
Fate attenzione, infine, a non viaggiare con bombole scadute. L’articolo 80 del Codice della Strada prevede, per chi effettua rifornimento con bombole scadute, una sanzione amministrativa pari a 168 euro ed il ritiro della carta di circolazione.

 

Pubblicato il 9 July 2018
Condividi