Home \ Comprare & Vendere \ Acquisto Auto \ Nuova Subaru XV 2019, anche ibrida

Nuova Subaru XV 2019, anche ibrida

Acquisto Auto Comprare & Vendere
Pubblicato il 20 June 2019
Condividi
Il talentuoso XV rappresenterà la via ibrida più compatta nella gamma Subaru.

di ALESSIO MACALUSO, Giornalista

I tempi cambiano, le auto si aggiornano, ma soprattutto si “elettrificano”. E la nuova Subaru XV 2019 rappresenta tra i migliori esempi di come non sia più possibile sottrarsi oltre ad una tendenza di questo tipo. Il termine “elettrificazione” è quindi tanto brutto dal punto di vista linguistico quanto necessario da quello industriale, almeno se si intende stare al passo coi tempi. Per questo vi presentiamo oggi la nuova Subaru XV e-Boxer, prima interpretazione in chiave ibrida dell’originale e compatto crossover della casa delle Pleiadi – pronto a debuttare in tutti gli show room ad un prezzo di listino già stabilito e che viaggia a cavallo tra i 33 e i 37 mila Euro.

Per vederlo su strada dovremo però attendere la fine dell’anno, con la presentazione ufficiale al pubblico prevista a dicembre 2019. Il talentuoso XV rappresenterà quindi la via ibrida più compatta nella gamma Subaru, assieme al must del colosso nipponico targato Subaru Forester ibrido. “L’ibridazione”, neologismo forse ancor più brutto di “elettrificazione” – passerà quindi dal motore Boxer da due litri di cilindrata.

Interni Subaru XV

Prima di addentrarci in quella che è la novità più interessante che coinvolge la nuova Subaru XV ibrida, godiamoci qualche dettaglio della vettura. Tra gli assi nella manica del SUV giapponese c’è senz’altro lo spazio interno. I viaggi non sono mai un compromesso da cercare ad ogni costo e anche i passeggeri più alti possono sedere in tutta comodità. Dietro il divanetto posteriore è capace di accogliere tre adulti grazie ad una seduta abbastanza larga, mentre qualcosa in più paga chi siede al centro per quello che è lo spazio destinato alle gambe, per via del tunnel centrale della trasmissione. Chi siede davanti invece si gode l’altezza di un SUV (per quanto compatto), ma con la posizione di gambe e schiena che richiama quella delle berline.

Lo spazio di carico invece è ottimale muovendosi in due, quando abbattendo gli schienali della fila posteriore si può ottenere una capacità di poco superiore i 1.300 litri. Discreta, è invece quella del bagagliaio viaggiando al gran completo di passeggeri, che si attesta sui 385 litri. Chiaro: da un’automobile di quasi quattro metri e mezzo di lunghezza (447 cm per la precisione) era forse lecito attendersi qualche litro in più. Sempre restando a bordo della nuova Subaru XV e-Boxer 2020 si apprezza il display dalla grafica accattivante da 4,2 pollici posizionato al di sopra della consolle di comando, mentre nella zona inferiore c’è uno schermo dalle generose dimensioni da 8 pollici dal quale si controllano le funzioni del navigatore e molte altre info della vettura. Per il capitolo proprio relativo all’infotainment non manca all’appello la digital radio DAB e la tecnologia Starlink.     

Subaru XV ibrida: perché comprarla

Come detto qualche riga sopra, la Subaru XV hybrid 2019 si rifà alla cugina più grande Forester per quello che è il capitolo dell’elettrificazione. Sotto il cofano ritroviamo quindi quel mito di motore rigorosamente Boxer a quattro cilindri contrapposti e 150 CV di potenza. Molto interessante, è anche il dato della coppia massima che, dal quartier generale di casa Subaru, hanno quantificato in 194 Nm. A tutto questo si aggiunge quindi il capitolo ibrido, rappresentato da una compatta unità elettrica da 12,3 kW – l’equivalente di circa 16 CV per dirla in modo più semplice.

Ebbene sì: molti appassionati di motori avranno già pensato come questa Subaru XV non sia equipaggiata da un classico sistema “veramente” ibrido. E che tutt’al – quello scelto dai tecnici giapponesi – sia più assimilabile alla cosiddetta tecnologia mild hybrid, tanto di moda ormai con molti brand. La verità sta nel mezzo: con il sistema creato da Subaru il motore elettrico produce davvero la potenza e, qualora ce ne fosse il bisogno, è anche in grado di sfruttarla in autonomia. Una mild hybrid non usa mai l’energia accumulata “in solitaria”, ma sempre per far “da spalla” al lavoro del motore termico principale.  

Ma dove sta la furbizia? Beh, ad esempio nella minuscola batteria agli ioni di litio installata proprio sotto il bagagliaio. Per “lei” appena 0,6 kWh, pochissimo, ma con almeno due innegabili vantaggi. Il primo è che non si va ad intaccare la capacità di carico, che già di per sé non è quella di un veicolo commerciale. E in seconda battuta: i tempi di ricarica – direttamente proporzionali a questa batteria decisamente piccina.

Basti pensare che sfruttando la semplice frenata rigenerativa possono bastare appena 5 minuti per caricare la batteria, magari aiutandoci con una discesa. Risultato di questo brevissimo lasso di tempo? Assolutamente non trascurabile. Già, perché con la batteria carica in così poco e al 100% è possibile percorrere poco più di un km e mezzo viaggiando nel silenzio della guida elettrica. Col paletto di non superare i 40 Km/h di velocità massima s’intende, ma essendo questa una tecnologia specifica per la vita urbana, non dovrebbe essere un problema stare al di sotto di questa soglia.

Ma non tutti gli automobilisti hanno a disposizione “sette colli” per ricaricare la propria piccola batteria di questa Subaru XV. Quindi che fare? Nessun problema, alla causa della nostra ricarica contribuiscono anche le decelerazione e le frenate viaggiando in piano. Non solo, l’elettronica ha il compito di destinare una percentuale di potenza alla ricarica della batteria anche quando si viaggia a velocità più sostenute e comunque oltre i 3.000 giri.

Subaru XV: cambio automatico

Per la trasmissione, come si conviene in questi casi, il cambio della Subaru XV è rigorosamente automatico. In questo caso a fare il “lavoro sporco” è un CVT Lineartronic a variazione continua e 7 marce. “Lavoro sporco” in quanto il motore Boxer non è turbo e nonostante la cilindrata non proprio piccola di 2 litri – non si può pretendere più di tanto in quanto a prestazioni. I giri salgono parecchio prima che la cambiata giusta si concretizzi e fortunatamente a compensare quel vuoto di potere che nel 2020 farebbe gridare allo scandalo ci pensano cavalli e coppia che, fortunatamente, a questa Subaru non mancano.

Subaru XV off road

Come per ogni Subaru che si rispetti anche a questa XV non mancano le attitudini da piccola “fuoristradista”. Virtù sulla quale nessuno nutriva dubbi considerata la specializzazione del marchio nipponico alla vita tra terra, fango e ghiaccio. Sfruttando la potenza in più della piccola unità elettrica si fa tutto ancor più facilmente, le salite più ripide si percorrono praticamente viaggiando a fil di gas mentre la distanza da terra di ben 22 cm rende la vita facile anche in presenza di semplici guadi.

Questo per quella che è la genuina collaborazione dei 16 CV in più giunti in dote con il motore elettrico, ma è chiaro che la parte del leone la fanno come sempre le sospensioni. La trazione della Subaru XV trova conferma nella collaudata S-AWD che grazie all’inserimento della modalità XMode è in grado di trasformare questa compatta Subaru in una piccola auto, praticamente inarrestabile.

Pubblicato il 20 June 2019
Condividi