Home \ Pratiche Auto \ Assicurazione \ RCA Auto: che cos’è e quali sinistri copre l’assicurazione autovetture

RCA Auto: che cos’è e quali sinistri copre l’assicurazione autovetture

AssicurazionePratiche Auto
Pubblicato il 1 April 2020
Condividi
Portatela sempre con voi per circolare tranquilli: tutto sulla RCA auto.

Tra i vari documenti da avere sempre all’interno della propria vettura per poter circolare in totale legalità, la polizza RCA Auto è forse il più importante, poiché tutela l’assicurato in caso di sinistri.

INDICE
Cosa copre?
Come funziona?
Verifica copertura assicurativa

RCA auto è l’acronimo di Responsabilità Civile Auto. Si tratta del contratto concluso tra l’assicurato e la compagnia assicurativa che liquida i danni, materiali o fisici, causati dal veicolo a terzi, in caso di sinistro, dietro pagamento di un premio assicurativo annuale.

La compagnia di assicurazione, quindi, copre i danni dell’assicurato, involontariamente causati agli altri durante l’uso della propria auto. In questo modo è di fatto tutelato da incidenti riconducibili alla propria responsabilità che arrechino danni materiali e/o lesioni a terzi.

La RCA auto è obbligatoria per legge e senza copertura assicurativa valida non è possibile circolare.

La polizza RCA copre i danni provocati dal veicolo dell’assicurato a persone, animali o cose a seguito di un sinistro, mentre non garantisce la copertura di eventuali danni fisici subiti dal guidatore che ha causato l’incidente.

I danni derivanti dal sinistro verranno risarciti dalla compagnia nei limiti del massimale, ossia una cifra massima concordata al momento della sottoscrizione del contratto di polizza che l’assicurazione risarcisce in caso di incidente. Il massimale minimo garantito è attualmente pari a 6.070.000 euro, per i danni alle persone, a 1.220.000 euro, per quelli alle cose.

Superato il massimale sarà l’assicurato a rispondere direttamente, ma le compagnie possono offrire anche massimali superiori dietro pagamento di un premio assicurativo più elevato.

La compagnia assicuratrice si impegna quindi a risarcire i danni legati alla circolazione del veicolo arrecati dall’assicurato a terzi, purché questi rientrino nel massimale pattuito ed il sinistro sia stato accidentale. Analogamente l’assicurazione auto copre i danni fisici subiti dai passeggeri presenti nel veicolo dell’assicurato che ha causato l’incidente, ma non quelli del conducente stesso.

La RCA auto, infine, copre un veicolo anche quando è in sosta o senza guidatore o nell’ipotesi in cui a guidare il veicolo sia una persona diversa dall’assicurato.

Per i casi esclusi dal risarcimento RC Auto, l’assicuratore è comunque obbligato per legge a risarcire il danno a terzi, ma ha il diritto di chiedere al conducente o al proprietario del veicolo la rivalsa, ossia il rimborso delle somme pagate a terzi, a titolo di risarcimento danni.

Spesso può capitare di dimenticarsi della scadenza della propria assicurazione auto. Guidare senza copertura assicurativa è vietato dal Codice della Strada ed in caso di fermo si può essere soggetti ad una multa che variare da un minimo di 841 ad un massimo di 3.287 euro, oltre al sequestro del veicolo.

A causa dell’emergenza Coronavirus, il decreto Cura Italia ha ampliato il periodo di tolleranza (ossia il termine entro cui l’assicurazione è obbligata a mantenere la copertura) dopo la scadenza della polizza auto da 15 a 30 giorni. L’estensione del periodo di tolleranza ovviamente non implica una sospensione dell’obbligo di assicurazione e non sospende la scadenza delle polizze in vigore.

LEGGI ORA: Patente, revisione, collaudo, RC Auto: tutte le novità del decreto Cura Italia per gli automobilisti

Per evitare di violare quanto disposto dal Codice della Strada è possibile effettuare un controllo dell’assicurazione auto tramite il Portale dell’Automobilista. Una volta digitato l’indirizzo web, si dovrà cliccare sulla sezione “Verifica copertura RCA”, per poi successivamente selezionare la tipologia del veicolo e indicare il numero di targa. Compiute queste operazioni si potrà verificare in tutta comodità la copertura assicurativa RCA.

Qualora si desideri effettuare tale controllo anche dal proprio smartphone, sono presenti, sia per dispositivi Apple che Android, numerose app in grado di agevolare la ricerca.

Pubblicato il 1 April 2020
Condividi