Home \ Cura & Manutenzione \ Manutenzione Auto \ Quando montare gli pneumatici estivi?

Quando montare gli pneumatici estivi?

Manutenzione AutoCura & Manutenzione
Pubblicato il 27 February 2019
Condividi
È importante sapere quando montare gli pneumatici estivi al posto di quelli invernali per viaggiare in auto a norma di legge.

È la normativa a indicare quando montare gli pneumatici estivi: la data è fissata al 15 aprile 2019, quando si dovranno montare gomme idonee alle temperature primaverili ed estive.

Quando cambiare gli pneumatici estivi: le date, le proroghe e le multe

È importante sapere quando montare gli pneumatici estivi al posto di quelli invernali in primis per viaggiare in auto a norma di legge. Secondo le statistiche nazionali, infatti, circa il 50% dei conducenti che si muovono sul territorio italiano rischiano multe salate, per non aver installato gli pneumatici corretti sul proprio mezzo. Proprio per questa ragione, il legislatore fornisce ai conducenti italiani un mese di proroga, estendendo la data della sostituzione degli pneumatici invernali con quelli estivi al 15 maggio 2019. Coloro che non montano gli pneumatici stagionali per tempo, possono andare incontro a multe salate, comprese fra 422 e 1695 euro. Alla pena pecuniaria si aggiunge la possibilità di ritiro della carta di circolazione, con conseguente obbligo di prova e visita presso la motorizzazione di pertinenza. Puoi trovare un’ottima selezione di pneumatici estivi per tutti i modelli di auto su ebay.it.

L’obbligo non vale per tutti: chi è esente dal cambio?

Non tutti gli pneumatici invernali devono essere obbligatoriamente sostituiti con quelli estivi. Difatti, tutti gli pneumatici invernali (ovvero quelli che riportano sulla spalla dello pneumatico la marcatura M+S), che posseggono un codice di velocità uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione della vettura sulla quale sono montati, possono non essere sostituiti. Ad avere l’obbligo di sostituzione sono solo, quindi, coloro che hanno montato sulla propria vettura pneumatici con codice di velocità inferiore rispetto a quello previsto sul libretto di circolazione. Per visionare qual è il codice di velocità previsto sul libretto di circolazione della propria auto, basta osservare l’ultima lettera indicata a seguito delle misure degli pneumatici ammessi sul mezzo.

Come riconoscere gli pneumatici estivi: questione di sicurezza

Chi pensa che distinguere gli pneumatici estivi da quelli invernali sia complicato, probabilmente è preso da questa convinzione solo perché non sa come riconoscere gli pneumatici estivi. A distinguere i due tipi di pneumatici è, infatti, il disegno presente sul battistrada. Uno pneumatico invernale possiede un battistrada profondamente scanalato e disseminato di lamelle su tutta la superficie. Le lamelle sono necessarie per consentire allo pneumatico di avere una maggiore “presa” su strada. Gli pneumatici estivi, invece, per affrontare il caldo stagionale e non farsi fermare dagli acquazzoni improvvisi, non hanno bisogno di alcuna lamella. Ad essere necessarie in questo periodo sono piuttosto le scanalature longitudinali e trasversali, le prime ottime per raccogliere l’acqua e le seconde per espellerla. Per migliorare la guidabilità ed impedire l’aquaplaning sono presenti, inoltre, ai bordi smussature tassellate. In alternativa è sempre bene verificare la presenza o meno della marcatura M+S, o similari, che sta per Mud & Snow: esso indica che è possibile circolare su fango e neve, presente per lo più sugli pneumatici quattro stagioni o invernali.

Sigla gomme invernali

Qual è il simbolo delle gomme estive?

Non esiste un vero e proprio simbolo per gomme estive: solitamente si individuano le gomme estive quando è assente la sigla Mud & Snow, ovvero quella che identifica uno pneumatico come idoneo a circolare su fango e neve.

Come conservare gli pneumatici estivi?

Possedere più set di gomme per la propria vettura impone anche di disporre di un luogo idoneo in cui stoccarle quando si dismettono. Sebbene sia possibile utilizzare un box o una cantina come luogo per la conservazione corretta degli pneumatici estivi è indispensabile mettere in atto alcuni accorgimenti. In primis è bene portare la pressione degli pneumatici a 0,5 bar in più rispetto alla norma. Il luogo di stoccaggio deve essere poi protetto dai raggi solari ed in generale dai raggi UV, oltre ad essere fresco, asciutto e privo di umidità. Per il ricorretto posizionamento è sempre meglio contrassegnare le gomme con le diciture Posteriore Destra/Sinistra e Anteriore Destra/Sinistra: questo faciliterà il rimontaggio al momento del bisogno. Se si decide di conservare gli pneumatici con i loro cerchi, allora è possibile impilarli uno sull’altro, oppure si può optare per l’utilizzo di un apposito albero per pneumatici. Se i cerchi sono rimossi dalle ruote, esse non possono essere impilate ma devono essere appese separatamente o poste l’una affianco all’altra. Ovviamente gli pneumatici devono essere tenuti lontani da oli o solventi per non accelerarne l’usura. Prima del rimontaggio delle gomme è sempre consigliato un controllo: la verifica della presenza di anomalie, difetti o tagli può evitare di avere brutte sorprese una volta rimontati gli pneumatici. Se volete sapere di più, potete leggere il nostro approfondimento su come conservare correttamente gli pneumatici al cambio di stagione.

Pubblicato il 27 February 2019
Condividi