Home \ Comprare & Vendere \ Acquisto Auto \ Pick up: ecco i migliori modelli da comprare nel 2021

Pick up: ecco i migliori modelli da comprare nel 2021

Comprare & VendereAcquisto Auto
Pubblicato il 18 January 2021
Condividi
Dalla Fiat alla Toyota, scopri i migliori pick up del 2021.

E’ una vera e propria nicchia di mercato, soprattutto in Italia, ma non per questo le offerte da parte dei costruttori sono ridotte. Stiamo parlando dei pick up, i veicoli caratterizzati da un ampio cassone di carico scoperto e separato dalla cabina di guida, dedicati a chi utilizza prevalentemente la vettura per lavoro.

INDICE
Quale pick up comprare nel 2021
 Pick Up economici
 Pick Up benzina
 Pick Up GPL
 Pick Up metano
Pick Up ibridi
Pick Up 4×4

Anche per quest’anno il settore dei pick up vedrà numerose novità caratterizzate da motorizzazioni sempre più green e consumi contenuti. Vediamo i modelli più interessanti in arrivo.

  • Isuzu D-Max
  • Toyota Hilux
  • Mitsubishi L200

Isuzu D-Max: il nome Isuzu è sicuramente noto per quel che riguarda i pick up ed il D-Max si rivela una scelta intelligente complice la possibilità di scegliere anche la versione dotata di trazione integrale.  Due i motori disponibili, il 1.9 turbodiesel da 150 cavalli ed il  3.0 litri turbodiesel quattro cilindri da 190 cavalli. 

isuzu d-max usate
isuzu d-max usate

Toyota Hilux: ci sono vetture che riescono a scrivere la storia e la Toyota Hilux è sicuramente una di queste. Il pick up giapponese è inarrestabile ed affidabile e può essere ordinato sia nella versione Extra Cab a 2 porte e 4 posti che Double Cab a 4 porte e 5 posti. Unica, invece, la motorizzazione presente, il 2.4 diesel 4 cilindri da 150 CV.

Mitsubishi L200: stile completamente rinnovato ed in linea con il recente linguaggio stilistico adottato sugli altri mezzi della Casa caratterizzano la nuova Mitsubishi L200. Disponibile sia nella versione Club Cab a quattro posti oppure Double Cab a cinque posti, vede in listino esclusivamente la presenza del motore diesel 2,2 litri da 150 CV.

Se si vuole trovare il giusto compromesso tra spesa e resa bisogna rivolgersi senza dubbio al mercato dell’usato dei pick up. Tuttavia ci sono alcune Case che propongono in listino mezzi a prezzi davvero competitivi.

Pick up economici  Prezzo (a partire da)
Dacia Dokker 13.900
Isuzu Campo 6.100 €
Fiat Strada 4.900 €
Tata Pick Up 3.200 €

 

Dacia Dokker: la Casa rumena ha rivoluzionato il mercato con la sua proposta low cost e punta a fare lo stesso anche nel settore dei pick up. La Dokker è disponibile sia con motore benzina da 1.6 litri e 100 CV che diesel da 1.5 litri e 90 CV, mentre il cassone ha una lunghezza di 1.80 mt. 

Isuzu Campo: guardando al mercato dell’usato si possono trovare numerosi pick up a prezzi davvero irrisori come l’Isuzu Campo. Per un modello con motore diesel 3.1 litri del 1999 i prezzi partono da 6.100 euro.

Fiat Strada: vettura decisamente comune, la Fiat Strada è stata per anni l’alternativa italiana ai pick up stranieri. Sul mercato dell’usato si trovano numerose proposte a prezzi decisamente contenuti relative a veicoli dotati dell’inarrestabile motore diesel da 1.3 litri ed 84 CV.

Tata Pick Up: la Casa indiana si è messa in luce nel settore dei pick up con un mezzo che ha puntato tutto sulla concretezza. Oggi il mercato dell’usato offre numerose propose della Tata Pick Up con prezzi che partono da 3.200 per i veicoli dotati del motore diesel da 2.0 litri e la trazione integrale.

Le offerte di pick up benzina sono davvero ridotte al minimo. I costruttori, infatti, hanno adottato per questi mezzi da lavoro prevalentemente propulsori diesel per ottenere un buon compromesso tra prestazioni e consumi.

Guardando al mercato dell’usato si può trovare qualche raro annuncio come quello relativo ad una Toyota Land Cruiser GRJ79 con motore V6 benzina da 4.0 litri  di sicuro dedicata a chi non bada ai costi di gestione. 

 

Anche per quel che riguarda il settore dei pick up GPL l’offerta del mercato è piuttosto limitata ed arriva dalla Cina con la Great Wall Steed 6.

Il pick up asiatico si caratterizza per le dimensioni importanti del corpo vettura che quasi sfiora i 5 metri e mezzo de per un abitacolo confortevole ed in grado di ospitare fino a 5 passeggeri.

Sotto il cofano trova spazio un 2.4 bi-fuel benzina GPL in grado di esprimere 109 CV di potenza ed abbinabile anche alla trazione integrale. I prezzi partono da 15.650 euro.

 

Identico discorso si ripropone per i pick up metano. Le offerte del mercato sono decisamente limitate e l’unica seria alternativa arriva dalla Cina grazie alla GAC Gonow. Lo stile degli esterni e quello degli interni non fa certamente gridare al miracolo, ma per un prezzo di partenza di 12.800 euro si può acquistare un mezzo dotato di un motore benzina da 2.0 litri e 126 CV, doppia cabina ed in grado di trasportare fino a 750 kg sul cassone posteriore.

Le motorizzazioni ibride si stanno rapidamente affermando anche tra i pick up, Soprattutto negli ultimi mesi i costruttori hanno iniziato a presentare proposte sempre più “green”. Vediamo le più interessanti.

  • Ford F150
  • Toyota Tacoma

Ford F150: il nome F150, soprattutto negli Stati Uniti, è iconico. La Casa dell’Ovale Blu ha ottenuto grandi soddisfazioni con il suo pick up XXL e recentemente ha introdotto una versione dotata di motore  V6 full hybrid da 3,5 litri PowerBoost in grado di aiutare a contenere i consumi.

Toyota Tacoma: non è ancora disponibile sul mercato, ma dovrebbe arrivare a breve. La Toyota Tacoma rappresenta una nuova sfida della Casa giapponese, leader del mercato delle ibride. Con tutta probabilità la Tacoma sarà destinata soltanto al mercato USA, ma nulla è ancora stato deciso dai vertici della Casa.

La trazione integrale non è ormai una esclusiva soltanto dei fuoristrada. Sempre più pick up, infatti, godono di questa tecnologia. Analizziamo i modelli presenti sul mercato.

  • Mercedes Classe X
  • Ford Ranger
  • Nissan Navara

Mercedes Classe X: nata da una joint venture con Nissan, la Mercedes Classe X è la proposta della Casa tedesca nel segmento dei pick up che offre una ampia capacità di carico unita al comfort tipico delle vetture della Stella. L’unica motorizzazione disponibile è il diesel 3.0 litri declinato nelle varianti di potenza da 163, 190 e 258 cv. I prezzi partono da 36.900 euro.

Ford Ranger: la Casa americana ha nel Ford Ranger la punta di diamante tra i pick up. La cabina a due posti nella configurazione 2+2 consente di ospitare comodamente fino a 5 passeggeri, mentre la trazione integrale è disponibile con con due motori turbodiesel TDCi: un 2.2 da 160 CV e un 3.2 a cinque cilindri da 200 CV. I prezzi partono da 23.250 euro.

Nissan Navara: la Casa giapponese ha rivisto profondamente lo stile del suo pick up a trazione integrale rendendolo più contemporaneo. La versione a doppia cabina ha quattro porte, cinque posti e un cassone lungo 1,58 metri mentre quella denominata King Cab, a cabina singola e quattro posti, propone un cassone lungo 1,79 metri. Sotto il cofano trova spazio il 2.3 diesel da 190 CV. I prezzi partono da 22.300 euro.

 

Cose da sapere

Quali sono le novità 2021 per i pick up?

Anche quest’anno il settore dei pick up vedrà numerose novità caratterizzate da motorizzazioni sempre più green e consumi contenuti. I modelli più interessanti in arrivo sono la Isuzu D-Max, la Toyota Hilux e la Mitsubishi L200.

Quali sono i pick up più economici sul mercato?

I pick up con i prezzi più competitivi sono:  Dacia Dokker (da 13.900 euro), Isuzu Campo (da 6.100 euro), Fiat Strada (da 4.900 euro) eTata Pick Up (da 3.200 euro).

Esistono dei pick up ibridi?

Le motorizzazioni ibride si stanno rapidamente affermando anche tra i pick up, Soprattutto negli ultimi mesi i costruttori hanno iniziato a presentare proposte sempre più “green”. Le  più interessanti sono la Ford F150 e la Toyota Tacoma.

Ci sono dei pick up 4×4 sul mercato?

La trazione integrale non è ormai una esclusiva soltanto dei fuoristrada. Sempre più pick up, infatti, godono di questa tecnologia. Tra i modelli presenti sul mercato possiamo citare la Mercedes Classe X, la Ford Ranger e la Nissan Navara.

Pubblicato il 18 January 2021
Condividi