Home \ Comprare & Vendere \ Acquisto Auto \ Quando conviene acquistare un’auto ibrida?

Quando conviene acquistare un’auto ibrida?

Comprare & Vendere Acquisto Auto
Pubblicato il 15 January 2018
Condividi
Le auto ibride convengono soprattutto a chi percorre molti chilometri in un anno e guida principalmente su strade urbane o su tratti a lenta percorrenza.

Il mercato dell’automobile è in continua evoluzione. La ricerca di vetture più parsimoniose nei consumi e meno inquinanti è una necessità, per la quale le auto ibride rappresentano una soluzione concreta e affidabile. Anche in Italia, il trend delle auto ibride è in crescita, sia grazie all’arrivo di modelli sempre più affidabili, prestazionali e convenienti, sia grazie ai nuovi incentivi auto 2019.

INDICE
 Auto ibrida conviene
 Auto ibrida: quando conviene?
 Incentivi e agevolazioni auto ibride

Cerchiamo di capire per un’auto ibrida conviene, rispetto ad una a benzina o a diesel. Le auto ibride affiancano un motore elettrico al tradizionale propulsore alimentato a benzina o a gasolio. Questa soluzione permette un risparmio carburante decisamente significativo. Quando è il motore elettrico a spingere l’automobile ibrida, le emissioni sono praticamente pari a zero.

Questo dato di fatto, dimostra che l’auto ibrida conviene anche dal punto di vista eco-friendly, soprattutto in città, dove le percentuali di utilizzo del motore elettrico crescono significativamente. Molti centri urbani, in Italia e all’estero, consentono la circolazione delle auto ibride, anche in presenza di limitazioni del traffico o di blocchi che interessano, invece, tutte le vetture alimentate con carburanti tradizionali. Se, com’è vero, è l’aspetto prestazionale delle auto ibride a preoccupare alcuni automobilisti, i numeri dei test evidenziano che le performance delle vetture ibride sono, in linea di massima, simili a quelle ottenute dai corrispondenti modelli, con motorizzazioni diesel o benzina.

Quando conviene acquistare un'auto ibrida? 1

L’attuale tecnologia ibrida non è più prerogativa esclusiva delle city car ma sono molte le case automobilistiche a produrre modelli di berlina, SUV o crossover, con motore elettrico associato ad uno termico. Con vetture di fascia medio alta, la convenienza della propulsione ibrida è ancora buona, anche su percorsi extraurbani. Per avere maggiori informazioni, potete leggere il nostro approfondimento su come funzionano le auto ibride.

Le vetture ibride hanno riscosso un notevole successo e sempre più case automobilistiche puntano i loro investimenti su questa tecnologia. Anche alcune supercar e prototipi che competono in pista hanno tecnologia ibrida. In linea di massima, l’acquisto di un’auto ibrida è sempre consigliato, vista anche la tendenza a limitare l’utilizzo di motori diesel e benzina nelle aree più popolate. Per determinate categorie di automobilisti, però, il passaggio all’ibrido è ancora più conveniente.

auto ibride usate
auto ibride usate

I fattori che bisogna tenere in considerazione quando si vuole comprare una vettura ibrida, sono due:

  • Tipologia dei percorsi sui quali si viaggia di solito
  • Km percorsi in un anno

Per chi percorre molti chilometri in un anno e guida principalmente su strade urbane o su tratti a lenta percorrenza, l’auto ibrida conviene senza dubbio. A basse velocità, le percentuali di sfruttamento del motore elettrico sono molto elevate e il risparmio, dal punto di vista del consumo medio, è evidente. Le aree urbane sono il territorio ideale per le city car ibride ma i modelli più potenti riescono a garantire un risparmio nei consumi anche su autostrade e percorsi veloci extra-urbani.

Attualmente, i modelli di auto ibrida sono leggermente più costosi, rispetto alle equivalenti vetture alimentate con diesel, che si avviano ormai verso un futuro incerto a causa: sia del blocco delle auto diesel previsto in alcune città per il 2020, sia per l’ecotassa 2019 recentemente introdotta dal Governo. Bisogna tenere comunque in considerazione la presenza di incentivi auto 2019 (qui la lista dei modelli scontati con l’ecobonus), introdotto anch’esso dal Governo con la nuova manovra.

Percorrere molti Km in un anno, significa garantirsi un risparmio di carburante tale da raggiungere e superare il punto di pareggio, ammortizzando in breve tempo la spesa iniziale affrontata in concessionaria. Per avere cifre più precise riguardo alla convenienza dell’ibrido, è necessario valutare prestazioni e consumi dei singoli modelli di automobile. Facendo una media, però, su 20.000 Km percorsi in un anno, le vetture ibride consentono di risparmiare più del 25% di carburante. Il **risparmio**, nel caso appena citato e tenendo conto degli attuali costi della benzina, sarebbe **di circa 600 euro per anno**. Considerando, inoltre, le eventuali agevolazioni fiscali per i proprietari di auto ibride e il beneficio, mai sottolineato abbastanza, che ne trae l’ambiente, l’auto ibrida conviene senza dubbio, tranne che in particolari casi in cui si guida poco e prevalentemente su superstrade e autostrade.

Il passaggio alla tecnologia ibrida è spesso incentivato, in Italia e nella Comunità Europea, anche dai governi o dalle amministrazioni regionali. Ridurre i livelli di inquinamento è una priorità e, dal momento che le auto ibride contribuiscono alla causa, i cittadini che scelgono di acquistarle possono beneficiare di agevolazioni, spesso molto vantaggiose. Eccone qualcuna:

  • Sconti sull’RC Auto: alcune compagnie assicurative offrono sconti ai possessori di auto ibride;
  • Tassa Regionale: in molte regioni italiane, è prevista un’esenzione dal cosiddetto Bollo sulle auto ibride nuove, fino a 5 anni dal loro acquisto;
  • Circolazione nei centri urbani: diversi municipi italiani “premiano” i guidatori di auto ibride, offrendo loro aree di parcheggio gratuito o permettendogli l’accesso in zone a traffico limitato;
  • Incentivi auto ibride 2019: le vetture che usufruiranno degli incentivi auto 2019 vengono distinte in due fasce, in base al valore delle emissioni. Da 0 a 20 g/km di CO2 il bonus oscillerà tra 6.000 e 4.000 euro, a seconda che l’acquisto avvenga con o senza rottamazione. Da 21 a 70 g/km di CO2 l’Ecobonus sarà compreso tra i 2.500 euro in caso di rottamazione, e i 1.500 euro senza rottamazione.

auto ecologiche usate
auto ecologiche usate

 

Pubblicato il 15 January 2018
Condividi