Alexandre Darracq fonda a Napoli nel 1906, col nome di Società Italiana Automobili Darracq, l'antenata di ciò che oggi conosciamo come Alfa Romeo. In realtà il soggiorno della S.I.A.D. a Napoli ha vita breve: l'azienda viene trasferita, dopo pochi mesi, nel quartiere Portello di Milano.

Cerca la tua prossima ALFA ROMEO

Search icon
Marca e Modello

Annunci più rilevanti per ALFA ROMEO

  • ALFA ROMEO Giulia 2.2 Turbodiesel 160 CV AT8 Bus.
    € 208 al mese
    ALFA ROMEO Giulia 2.2 Turbodiesel 160 CV AT8 Bus.
    Magnano in Riviera (UD)
  • ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 190CV AT8 Q4 Sprint
    € 212 al mese
    ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 190CV AT8 Q4 Sprint
    Podenzano (PC)
  • ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 210CV AT8 Q4 Veloce
    € 260 al mese
    ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 210CV AT8 Q4 Veloce
    Magnano in Riviera (UD)
  • Alfa Romeo Giulietta 1.6 Super
    € 299 al mese
    Alfa Romeo Giulietta 1.6 Super
    Roma (RM)
  • ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 160CV AT8 RWD Bus.
    € 299 al mese
    ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 160CV AT8 RWD Bus.
    Pieve a Nievole (PT)
  • ALFA ROMEO Giulietta Giulietta 1.6 JTDm 120 CV Super
    € 299 al mese
    ALFA ROMEO Giulietta Giulietta 1.6 JTDm 120 CV Super
    Padova (PD)
  • ALFA ROMEO Giulietta Giulietta 1.6 JTDm 120 CV Business
    € 350 al mese
    ALFA ROMEO Giulietta Giulietta 1.6 JTDm 120 CV Business
    Pompei (NA)
  • JEEP Compass Compass 1.6 Mjt II 2WD Limited
    € 360 al mese
    JEEP Compass Compass 1.6 Mjt II 2WD Limited
    Laveno-Mombello (VA)
  • ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 210 CV AT8 Q4 Exec.
    € 364
    ALFA ROMEO Stelvio Stelvio 2.2 T.diesel 210 CV AT8 Q4 Exec.
    Marino (RM)
  • ALFA ROMEO Stelvio 2.2 T.diesel 190 CV AT8 Q4 Bus.
    € 368 al mese
    ALFA ROMEO Stelvio 2.2 T.diesel 190 CV AT8 Q4 Bus.
    Roma (RM)

La società non ha fortuna e nel 1909 viene messa in liquidazione, per esser poi acquisita, nel 1910, da alcuni imprenditori italiani. A capo della società si insedia Ugo Stella, il quale assume Giuseppe Merosi, già progettista di FIAT e Bianchi: a Merosi è affidato il compito di ideare un'auto innovativa ed originale. La nascita della nuova società segna anche il definitivo cambio di nome: da S.I.A.D. in A.L.F.A., ovvero Società Anonima Lombarda Fabbrica Automobili.

Nonostante gli sforzi imprenditoriali, l'avvento della Grande Guerra spinge i soci di A.L.F.A. a sciogliere, nel 1915, la società, la quale, a partire dal 2 dicembre 1915, viene acquisita dall'ing. Nicola Romeo che cambia il nome del gruppo milanese in Alfa Romeo. I successi arrivano quasi subito: nel 1925, a bordo dell'Alfa Romeo P2, il conte Gastone Brilli Peri vince il Gran Premio d'Italia a Monza e, nello stesso anno, Antonio Ascani il Gran Premio del Belgio, consentendo ad Alfa Romeo di aggiudicarsi il Campionato mondiale costruttori del 1925.

A caratterizzare le autovetture di Alfa Romeo il personalissimo marchio, divenuto emblema dell'estetica e della meccanica automobilistiche di stampo italiano. I successi su pista e la produzione di modelli da corsa affidati alla Scuderia Ferrari, come il 6C 2300 e 2500 e l'8C 2300 e 2900 a partire dal 1939, fanno sì che il nome Alfa Romeo viaggi oltre i confini prettamente nazionali e cominci ad esser desiderato ovunque. Il dopoguerra è il tempo in cui Alfa Romeo definisce la sua immagine, avviando la produzione di determinati modelli, aventi in comune le caratteristiche di piacevolezza estetica, sportività e classe ad un prezzo superiore, ma comunque accessibile agli automobilisti esigenti rispetto alle prestazioni. I modelli prodotti negli anni '50 e '60, in particolar modo la 1900, grande berlina di lusso, la Giulietta e la Giulia, dedicate alla classe borghese italiana, sono molto ricercate ancora oggi sul mercato delle Alfa Romeo usate.

Nel 1986, un momento di profonda crisi colpisce Alfa Romeo, spingendo la società a cedere il brand a Fiat: è questo il periodo in cui vengono prodotte alcune fra le auto Alfa Romeo più innovative quali la 164, la 155, la 156 e la 159, reperibili ancora oggi fra le Alfa Romeo usate.

Quando si parla di Alfa Romeo in vendita il vero fiore all'occhiello ha i contorni prettamente sportivi ed il profumo delle auto che non si risparmiano: Alfa Romeo è Spider, lanciata sul mercato nel 1966. La Spider Alfa Romeo nasce per competere con il coupé di Jaguar classe E, e subisce diverse rivisitazioni, giungendo alla quarta serie. Fra le Alfa Romeo nuove si intravede la grinta elitaria della vecchia Spider nel modello 4C Spider, mentre lo scatto felino è riproposto in Mito, che nella versione 1.4 Turbo ricorda la sorellastra Abarth Grande Punto, rispetto alla quale ha sempre avuto quel fascino sportivo in più.

Articoli che ti potrebbero interessare

Altri suggerimenti per la tua ricerca