Home \ Cura & Manutenzione \ Manutenzione Auto \ I controlli periodici da effettuare per un’auto sicura

I controlli periodici da effettuare per un’auto sicura

Cura & Manutenzione Manutenzione Auto
Pubblicato il 15 January 2018
Condividi
Spaventati dal costo manutenzione auto? Controlli periodici aiutano ad aumentare la sicurezza alla guida, le prestazioni, la durata dell’automobile e, sul lungo periodo, a risparmiare.

La manutenzione ordinaria dell’automobile è un’attività necessaria, per far sì che la vettura sia sempre pronta a funzionare al meglio. I controlli periodici più importanti, i tagliandi e le revisioni, sono appuntamenti fondamentali per valutare le condizioni dell’auto e per far sì che tutti gli apparati concorrano a garantire le massime performance possibili. La legge e le istruzioni fornite dalle case produttrici impongono una serie di controlli con scadenze prefissate (revisioni e tagliandi). Questi appuntamenti non vanno assolutamente trascurati, anche per evitare di incappare in sanzioni o nella perdita del diritto alla garanzia di fabbrica. Oltre ai check-up già fissati, è bene però sottoporre la vettura all’esame di un esperto anche prima di un lungo viaggio, della partenza per le vacanze o, semplicemente, quando si nutre anche il più piccolo dubbio sulla sua completa efficienza.

Perché spendere per un check-up dell’automobile?

I costi di manutenzione auto rappresentano una voce significativa, nel bilancio annuale delle uscite collegate alla gestione della vettura. Quando è necessario effettuare un controllo periodico, spesso la tentazione è quella di posticiparlo o di ricorrere a tecniche di manutenzione auto fai da te, allo scopo di risparmiare. Analizzando un po’ più a fondo la questione, si nota però che alla lunga la puntualità nei controlli e nelle operazioni di manutenzione dell’auto è una scelta che paga. Durante un check-up, ci si può accorgere del malfunzionamento di qualche componente che, se sostituito con pochi euro, permette di evitare danni ingenti in un prossimo futuro. Quello della cinghia di distribuzione usurata è un esempio classico che dimostra quanto appena affermato. Se il meccanico professionista che esegue l’esame si rende conto della necessità di sostituire la cinghia, l’operazione può costare da poche decine a qualche centinaio di euro. Questo intervento, necessario per la quasi totalità delle vetture, se procrastinato può portare alla rottura improvvisa della cinghia e a danni di grave entità al motore. In generale, una corretta manutenzione permette di tenere alti i livelli di comfort, efficienza e sicurezza alla guida e conviene perché aumenta il ciclo di vita della vettura stessa. Un’auto a punto, inoltre, consuma mediamente di meno rispetto ad uno stesso modello non tenuto in maniera ottimale. Quando si è proprietari di una vettura, è bene considerare i costi di manutenzione come una spesa necessaria annuale, per potersi godere in tutta serenità l’efficienza della propria auto ed aumentare la sicurezza, a beneficio di se stessi e degli altri.

Quali sono i controlli periodici da effettuare su tutte le auto?

Oltre a tagliandi indicati dal produttore e a revisioni, è bene controllare con buona frequenza alcune componenti dell’auto, particolarmente soggette a malfunzionamenti o rotture a causa dell’usura e del tempo. Durante un controllo o un tagliando, l’elenco dei controlli classici comprende, solitamente, le seguenti parti della vettura:
– Livelli dei Liquidi
– Freni e pasticche
– Filtri
– Sospensioni
– Impianto Luci
– Motore e cinghia di trasmissione
– Scarichi
– Filtro antipolline e impianto di condizionamento
– Carrozzeria

Analizziamo in maniera più approfondita in cosa consiste il check-up periodico.

Verifica del livello dei liquidi: i liquidi e l’olio sono indispensabili all’interno della vettura. In particolare, l’olio è un fluido senza il quale il motore e altre componenti non potrebbero funzionare correttamente. L’olio motore va sostituito seguendo le scadenze indicate dal produttore – di solito la varianza è dai 15.000 Km ai 30.000 Km percorsi – ma possono essere necessari interventi straordinari, segnalati dall’apposita spia o piccoli rabbocchi. Durante un controllo ordinario in officina, si valuta anche il bisogno di integrare o sostituire i liquidi nel cambio o nel radiatore. La necessità di aggiungere liquido di raffreddamento è segnalata anch’essa da una spia sul cruscotto ma è molto meglio evitare di arrivare al «Warning», perché potrebbe essere troppo tardi. In questo caso, un controllo periodico anche nel garage di casa, per controllare che il liquido nel radiatore superi il livello minimo, può essere una semplice pratica di manutenzione auto fai da te che salva motore e portafogli. Anche l’impianto frenante funziona grazie a speciali liquidi. La strumentazione elettronica dell’automobile segnala sempre quando questi ultimi non sono sufficienti ma, come nelle situazioni precedenti, è buona norma verificare che il serbatoio del liquido freni sia pieno.

Controllo e sostituzione dei filtri

La salute dell’auto passa attraverso il corretto funzionamento di alcuni filtri. Il filtro del gasolio, ad esempio, è molto importante nelle auto diesel, perché protegge da eventuali impurità contenute nel carburante. Le indicazioni per il cambio del filtro variano a seconda del modello di automobile. In media la sostituzione va effettuata ogni 30.000 Km ma saranno gli occhi esperti del meccanico a suggerire, eventualmente, un cambio anticipato a beneficio del motore e degli altri apparati. Uno dei filtri non indispensabili per il funzionamento della vettura ma importantissimo per la vivibilità in abitacolo è quello antipolline. La sua sostituzione intorno ai 20.000 Km consente di mantenere un’atmosfera confortevole e soprattutto salubre in auto, a beneficio di guidatore e passeggeri.

Filtro Olio

Pressione e consumo degli pneumatici

Durante qualsiasi controllo o revisione dell’automobile, si riserva particolare attenzione allo stato delle gomme. La pressione e i livelli di consumo degli pneumatici sono variabili direttamente collegate alle prestazioni e alla sicurezza della vettura. Gomme inadatte alla stagione, al fondo stradale o troppo consumate, sono grave causa di inefficienza e potenziale fonte di pericolo. Per questa ragione, anche se solitamente molto costoso, il cambio di pneumatici va eseguito con tempestività quando serve. Dal momento che su molte strade e autostrade italiane vige l’obbligo di pneumatici invernali o catene da neve a bordo, è consigliabile acquistare un treno di gomme invernali, da utilizzare soltanto durante la stagione più fredda, per garantirsi una tenuta di strada ancora maggiore, anche in presenza di pioggia, ghiaccio o neve.

Filtro Olio

L’importanza dei particolari

Un’auto in piena efficienza ha anche una carrozzeria in buone condizioni, tutte le luci funzionano al 100%, la batteria è in perfetto stato e le spazzole dei tergicristalli, quando chiamate in azione, svolgono appieno il loro compito per migliorare la visibilità alla guida e, una volta ancora, la sicurezza in viaggio.

Pubblicato il 15 January 2018
Condividi