Home \ Pratiche Auto \ Burocrazia \ Bollo auto: cosa devi sapere su scadenza e pagamento

Bollo auto: cosa devi sapere su scadenza e pagamento

Pratiche Auto Burocrazia
Pubblicato il 26 January 2018
Condividi
Ecco come rispettare la scadenza di pagamento del bollo.

Tra le spese da sostenere per la gestione di una vettura c’è il cosiddetto “bollo auto”, una imposta annuale che varia a seconda del veicolo e di determinate sue caratteristiche. È di conseguenza essenziale capire come effettuare il calcolo del bollo auto in modo da sapere di preciso quanto pagare, ma è altrettanto rilevante il calcolo della scadenza del bollo auto. Quest’ultimo perché, essendo la tassa sul possesso dell’auto un’imposta, in caso di mancato o ritardato pagamento si incorre in una sanzione la cui entità è calcolata a partire dalla data di scadenza del bollo auto.

Inizialmente il bollo auto era denominato genericamente come “tassa di circolazione”, in quanto doveva essere pagato soltanto qualora il veicolo fosse circolante, ad oggi invece tale imposta deve essere saldata per qualsiasi autoveicolo di cui si è in possesso. Ecco allora tutto quello che devi sapere al riguardo, per rispettare la scadenza e non incorrere in sanzioni.

Scadenza bollo auto: come controllarla

La tassa automobilistica prevede un rinnovo annuale, e il controllo della scadenza del pagamento del bollo auto può essere effettuato attraverso diverse modalità. In primo luogo, la scadenza può essere verificata sulla ricevuta di pagamento del bollo stesso, dove sono riportate le date di inizio e di fine validità, oltre alle informazioni sull’auto e sugli importi.

Un’alternativa su come verificare la scadenza del bollo auto consiste nel visitare il sito dell’ACI o dell’Agenzia dell’Entrate, proprio come per il calcolo; anche in questo caso basterà riportare le informazioni richieste per capire quale sia la data di scadenza e, soprattutto se questa è già trascorsa o meno.

È anche possibile richiedere informazioni sulla scadenza del bollo auto all’ACI: basterà individuare la delegazione più vicina e recarvisi, oppure, come ulteriore possibilità, fare lo stesso presso un’agenzia di pratiche auto. Queste ultime soluzioni relative a come vedere la scadenza del bollo auto sono certamente molto affidabili, ma comunque poco comode data la possibilità di verificare il tutto comodamente da casa attraverso l’accesso a internet. Ora che si è chiarito dove controllare la scadenza del bollo auto, non resta che capire dove, in che modo e quando procedere al pagamento della tassa sulla nostra automobile.

Bollo auto: cosa devi sapere su scadenza e pagamento 1

Pagamento bollo auto: dove e quando

Come per il calcolo e per la verifica della validità, anche per il pagamento dell’imposta sugli autoveicoli vi sono diverse possibilità. Nello specifico, il pagamento del bollo può essere effettuato recandosi presso una sede ACI, alla posta, ad un’agenzia di pratiche auto, alle ricevitorie e tabaccherie abilitate e, infine, presso gli istituti bancari preposti, dove sarà possibile pagare l’imposta anche tramite ATM. Il bollo auto in scadenza può essere pagato anche comodamente da casa, sfruttando i servizi di internet banking o, anche questa volta, attraverso il sito dell’ACI.

Chiarito dove effettuare il pagamento del bollo auto, resta soltanto da capire quando procedere al saldo dello stesso. La tassa di possesso sull’auto può essere pagata in prossimità del suo termine di validità, oltre il quale si avrà comunque ancora un mese di tempo per assolvere al tutto evitando di incappare in sanzioni. Facendo un esempio, per chiarire ogni dubbio sulla scadenza del bollo auto e quando pagare, nel caso la validità terminasse nel mese di gennaio, si avrebbe ancora a disposizione tutto il mese di febbraio per provvedere al pagamento della tassa senza importi aggiuntivi derivanti dalle sanzioni. Capire come verificare il pagamento del bollo auto, in conclusione, è molto semplice. Basterà consultare, anche questa volta, il sito dell’ACI o quello dell’Agenzia delle Entrate accedendo alle apposite sezioni, oppure visitare un’agenzia di pratiche auto o una delegazione ACI.

Pubblicato il 26 January 2018
Condividi