Home \ Comprare & Vendere \ Mobilità Sostenibile \ Autonomia: la chiave per il futuro delle auto elettriche

Autonomia: la chiave per il futuro delle auto elettriche

Mobilità Sostenibile Comprare & Vendere
Pubblicato il 28 June 2017
Condividi
Quanto durano le batterie delle auto elettriche in commercio? Qual è l’autonomia raggiunta della auto elettriche nel 2017?

Il 2017 sembra essere destinato a rappresentare l’anno della definitiva consacrazione delle auto elettriche. Se questo avverrà, sarà anche grazie ai passi avanti compiuti sul piano dell’autonomia.

La situazione attuale del mercato elettrico

Tra i fattori che, fino ad oggi, hanno impedito ai veicoli elettrici di diffondersi sul mercato, rientra sicuramente la potenza limitata delle batterie. Attualmente, infatti, l’autonomia delle auto elettriche non consente di coprire lunghe distanze con una sola carica. In Italia, in particolare, il numero insufficiente di colonnine (è da migliorare anche la loro diffusione capillare) ha frenato l’entusiasmo di molti potenziali acquirenti. Proprio partendo da tali considerazioni, i produttori più conosciuti stanno moltiplicando gli sforzi per migliorare la situazione. La volontà è quella di giungere, nel più breve tempo possibile, a superare il muro dei 400 km di autonomia. Solo Tesla è finora riuscita nello scopo; Opel, con la sua Ampera, si è avvicinata alla soglia, senza però raggiungerla. Oltre ad aumentare la durata delle batterie, si mira a renderne più contenuto il peso. In questo modo sarà possibile ottenere una migliore densità energetica e, di conseguenza, un’autonomia che possa soddisfare pienamente le aspettative. Entro il 2022 i due produttori appena menzionati intendono raggiungere una densità pari a 400 Wh/litro. In realtà, l’asticella è stata posta ancora più in alto tanto che, in un prossimo futuro, si cercherà di produrre auto elettriche con un’autonomia di 1000 km.

Le auto elettriche con maggiore autonomia oggi in commercio

Nel panorama attuale, un gran numero di modelli (dalla LEAF alla ZOE, fino alla e-Golf) può fare affidamento su batterie agli ioni di litio la cui capacità non supera i 33 kWh, per un’autonomia variabile tra i 190 e i 310 km. È Tesla, da questo punto di vista, a rappresentare il marchio in grado di regalare i risultati migliori. Alcune sue vetture, il modello “S” su tutti, possono contare su batterie con capacità prossima ai 100 kWh, portando l’autonomia a superare i 600 km. Anche la Model X, Suv caratterizzato da portiere apribili “ad ali di gabbiano”, dispone di una batteria da 100 kWh, potendo percorrere una distanza massima di 565 km. Entrambe sono proposte al pubblico anche in versioni più economiche che, montando batterie meno potenti, inevitabilmente vedono ridursi l’autonomia.

tesla

Non solo Tesla: i principali rivali di mercato sul piano dell’autonomia

Se i due veicoli a marchio Tesla sono i più performanti, almeno a livello di autonomia, al terzo posto della graduatoria si posiziona la Renault ZOE. La sua nuova batteria da 41 kWh permette alla vettura di percorrere fino a 380 km con una sola carica. Anche in questo caso, la casa produttrice offre una versione “depotenziata”, sulla quale è stata montata una batteria da 22 kWh. Quest’ultima consente di percorrere una distanza di circa 200 km. Seguono la Volkswagen e-Golf (300 km di autonomia) e la Hyundai IONIQ (280 km). La più venduta tra le auto elettriche, la Nissan LEAF, arriva oggi a percorrere un massimo di 250 km prima di costringere il guidatore a cercare una colonnina per la ricarica.

Pubblicato il 28 June 2017
Condividi