Home \ Comprare & Vendere \ Risparmio \ Quali sono le auto più economiche del 2020?

Quali sono le auto più economiche del 2020?

Comprare & VendereRisparmio
Pubblicato il 11 February 2020
Condividi
Un’utile guida per orientarti tra le auto più economiche del 2020.

In tempi di crisi economica, come quelli che stiamo attraversando in questi anni, l’acquisto di un’auto è divenuto quasi un lusso che ha messo un freno alle fantasie degli amanti delle quattro ruote. Fortunatamente le case costruttrici si sono adeguate ai nuovi input e hanno modificato la loro offerta presentando varie tipologie di auto economiche. Obiettivo di questa guida sarà quindi quello di capire qual è l’auto più economica presente sul mercato e quali le auto meno costose in commercio.

Quando si parla di auto economica, è bene avere presente come le esigenze di ogni singolo automobilista possano far variare la concezione stessa di economicità. Non tutti, infatti, saranno alla ricerca delle stesse tipologie di auto economiche. C’è chi si vorrà orientare su una citycar, mentre altri potrebbero essere maggiormente attratti dalla rivoluzione delle auto elettriche o da un SUV a prezzo d’affare. Per questo motivo, questa guida sarà strutturata in varie categorie utili a capire qual è l’auto più conveniente del momento.

INDICE
 Le 10 auto più economiche
 Utilitaria più economica
 Auto elettriche più economiche
 Auto diesel meno care
 Auto GPL più convenienti
 Auto sportiva economica

Ecco la lista delle 10 auto meno costose del 2020, con prezzi di listino sotto i 10.000 euro, o quasi:

Auto più economiche del 2019 Prezzo (da)
Dacia Sandero € 7.200
Dacia Logan MCV € 8.400
Ford Ka+  € 11.000
Citroen C1 € 10.100
Volkswagen Up! € 12.900
Seat Mii € 11.280
Fiat Panda € 10.700
Peugeot 108 € 11.930
Dacia Duster € 11.200
Renaul Twizy € 6.900

Il segmento delle utilitarie è probabilmente quello dove si può riuscire a trovare una vettura decisamente adatta alle proprie tasche senza doversi rivolgere necessariamente al mercato dell’usato.

Fiat Punto – Già guardando in Casa Fiat si può notare come la Fiat Punto, nonostante il peso dell’età, possa essere considerata l’utilitaria più economica di produzione tricolore. Purtroppo la Punto non è più in produzione, quindi se si vuole pensare all’acquisto si deve guardare al mercato dell’usato.

fiat punto usate
fiat punto usate

Ford Fiesta – Se si cerca una valida alternativa alla Punto, una scelta azzeccata può essere la Ford Fiesta. In questo caso, la vettura del segmento B della Casa dell’ovale blu si presenta sul mercato in versione rinnovata, con un restyling che ha ringiovanito il design della storica utilitaria Ford. I prezzi sono più alti rispetto alla Punto e partono da 17.050 euro.

ford fiesta usate
ford fiesta usate

Se si vuole guidare una vettura innovativa, la scelta è senza ombra di dubbio quella di puntare sull’elettrico. In commercio, ormai, stanno arrivando numerose novità, ma i prezzi, purtroppo, non sono mai molto abbordabili.

Renault Twizy – Al momento la migliore auto elettrica economica presente sul mercato è la Renault Twizy, ma si fatica parecchio a definirla una vera e propria vettura data la presenza di due soli posti disposti in fila indiana. La Twizy è perfetta per gli spostamenti cittadini e con un prezzo di partenza di 6.900 euro è decisamente la più interessante auto elettrica economica.

Renault Zoe – Se si vuole puntare ad una scelta più matura, la Casa francese propone la Zoe, una compatta dalle linee e dalle funzioni decisamente più convenzionali basata sul pianale della Clio. Per acquistare la Zoe serve un budget di 25.900 euro, al quale si deve poi sommare il costo per il noleggio delle batterie che varia da 80 a 204 euro a seconda del chilometraggio.

Purtroppo l’auto elettrica economica sembra ancora un miraggio e quindi, se si volesse guidare una vettura del genere spendendo poco, il consiglio è quello di guardare al mercato dell’usato facendo attenzione allo stato delle batterie.

auto elettriche
auto elettriche

Le motorizzazioni diesel stanno vivendo un momento di grande attacco da parte dei vari legislatori che vogliono impedirne progressivamente l’accesso ai centri storici. Purtroppo i prezzi delle vetture diesel si confermano ancora più alti di quelli delle rispettive versioni a benzina, ma spulciando per bene i listini dei vari produttori si può trovare qualche offerta interessante.

Fiat Panda – La best seller di Casa Fiat è ormai sulla cresta dell’onda da diversi anni, ma non per questo non merita di essere citata in questa guida all’auto diesel più economica. La Fiat Panda riesce ad essere una fedele compagna nella vita cittadina ma, grazie alla motorizzazione Multijet, non si tira indietro quando è necessario macinare chilometri in autostrada. Purtroppo le versioni a gasolio non sono più presenti nel listino, quindi, se siete interessati alla Panda, dovrete guardare necessariamente al mercato dell’usato o delle Km 0.

fiat panda usate
fiat panda usate

Citroën C3 – La risposta francese alla Panda porta la firma della Citroen. Il costruttore transalpino ha infatti deciso di scendere nel campo delle auto diesel economiche con la sua rinnovata Citroen C3. La compatta francese si caratterizza per uno stile decisamente urbano ed assolutamente poco convenzionale e consente all’acquirente innumerevoli possibilità di combinazione di colori per la carrozzeria. I prezzi partono da 17.300 euro.

Anche in questo caso, chi desiderasse un’auto diesel economica, può guardare con molto interesse al mercato dell’usato. Con una cifra che si aggira sui 5.000 euro, infatti, si ci può portare a casa una Ford Fiesta del 2010, mentre non superando la soglia dei 10.000 si può salire di categoria e ottenere una spaziosa berlina.

citroen c3 usate
citroen c3 usate

Anche per le auto GPL si deve prendere in considerazione come il prezzo di acquisto per una vettura nuova non possa non scoraggiare alcune tipologie di automobilisti che, in questo caso, potranno orientarsi sul mercato dell’usato per trovare l’auto GPL più economica adatta alle loro esigenze.

Dacia Sandero GPL

Se si vuole spendere davvero poco, l’auto GPL più economica è senza ombra di dubbio la Dacia Sandero GPL, grazie al prezzo di partenza di soli 11.750 euro. La vettura della Casa controllata da Renault riesce a strappare un prezzo di listino interessante grazie ad una dotazione di serie ridotta veramente all’osso.

A fine 2018 ha fatto il suo debutto la nuova Sandero Streetway che amplia la dotazione di serie rispetto all’allestimento base. Sul livello comfort troviamo i sensori di parcheggio standard con la retrocamera disponibile in opzione e il navigatore con schermo Touch, disponibile anch’esso in opzione, che sono solo alcuni degli equipaggiamenti valorizzanti per la Streetway. Inoltre, è presente la radio Dacia Plug&Play con presa Aux/USB, bluetooth e comandi al volante, di serie sul livello Comfort, che, insieme al climatizzatore manuale, aumentano il comfort a bordo e il piacere di guida.

I cinque comodi posti rendono più pratica e confortevole l’esperienza in auto per tutti i passeggeri. Il sedile posteriore dispone della ripartizione 2/3 – 1/3 dei sedili per massimizzare l’utilizzo dello spazio a bordo. L’ampio bagagliaio, infine, offre fino a 1.200 litri di carico. È disponibile sia con motore 1.0 da 75 o 90 CV che Diesel da 75 o 95 CV, oltre che con alimentazione GPL, ormai sul 100% della gamma Dacia, con il motore 0.9 Tce 90 Turbo – GPL.

dacia sandero usate
dacia sandero usate

Kia Picanto

La piccola citycar coreana ha fatto centro grazie ad un look moderno e convincente e dimensioni che la rendono ideale nella guida cittadina. La Kia Picanto si rivela una ottima auto GPL economica grazie ad un cartellino del prezzo di 13.000 euro per la versione in allestimento City dotata del motore 1.0 da 65 CV.

Spesso si crede che il concetto di auto economica sia contrastante con quello di auto sportiva, ma sul mercato sono presente numerose offerte di vetture dalle prestazioni decisamente interessanti che non incidono eccessivamente sul conto in banca.

Fiat Abarth 595

La best seller di Casa Fiat è stata declinata in varie configurazioni, ma la versione Fiat Abarth 595 è sicuramente quella che stuzzica maggiormente l’interesse degli amanti delle quattro ruote. Il cuore pulsante della piccola peste italiana è il motore 1.4 T-Jet che garantisce ben 145 cavali di potenza e regala uno scatto da 0 a 100 Km/h in appena 6,7 secondi, mentre il look è caratterizzato da un disegno aggressivo dei paraurti, dotati di prese d’aria maggiorate, e dei cerchi realizzati appositamente per la versione dello scorpione. I prezzi partono da 20.900 euro e fanno della Abarth 595 un’auto sportiva economica da tenere seriamente in considerazione.

Totota GT 86

Se si cerca un’auto sportiva economica in grado di regalare grandi sensazioni al volante bisogna guardare in Giappone, nello specifico in Casa Toyota. Il costruttore giapponese ha regalato agli amanti delle quattro ruote un gioiellino niente male, la Toyota GT 86. Dotata di trazione posteriore, cambio manuale, motore da 200 cavalli e gomme dall’impronta a terra ridotta, la vettura nipponica promette derapate semplici ed un ritorno alla guida vecchia scuola che non potrà non far piacere ai veri cultori dell’auto. I prezzi per questa vettura, tuttavia, non sono proprio a buon mercato visto che si parte da 32.000 euro, ma a parità di prezzo è difficile trovare una vettura a trazione posteriore che possa regalare simili emozioni.

 

Cose da sapere

Qual è l’auto in commercio che costa meno?

L’auto nuova più economica in commercio è la Dacia Sandero il cui prezzo di listino parte da € 7.200.

Quali sono le auto nuove più economiche?

Le auto nuove più economiche sono la Dacia Sandero (€ 7.200), la Dacia Logan (€ 8.400), la Renault Twizy (€ 6.900), la Citroen C1 (€ 10.100), e la Ford Ka+ (€ 11.000).

Qual è l’utilitaria più economica?

La Citroen C1 è l’utilitaria più economica sul mercato con un prezzo di listino di € 10.100.

Qual è l’auto elettrica più economica?

L’auto elettrica più economica sul mercato è la Renault Zoe con un prezzo di listino di € 25.900 (escluso il noleggio della batteria).

Pubblicato il 11 February 2020
Condividi